Tennis Club Cagliari

TF 13 - La Forza

                                       
                                                                                                                                                                                                             
                                                         LA FORZA  


Questa settimana a Tennis Factor parliamo di Forza, e per capire quanto sia importante per la prestazione nello sport e nel tennis, la spieghiamo in maniera sintetica. A cura di Gianluca Moroni Prepazratore Fisico 2° Livello FIT, Responsabile Preparazione Fisica Settore Agonistico del Tennis Club Cagliari. 


La definizione “fisica” di forza, è quella di una grandezza vettoriale in grado di variare lo stato di quiete o di moto di uno o più corpi. Applicando questa definizione sul corpo umano, possiamo indicare come la forza muscolare, sia quella capacità motoria condizionale che ci permette di vincere una resistenza, o di opporsi tramite lo sviluppo della tensione da parte della muscolatura.
 

Fasi sensibili per l’allenamento delle diverse tipologie di forza.

La forza è una capacità condizionale allenabile a partire da determinate fasce d’età in diverse forme. A partire dai 9 fino a circa dodici anni di età ,maschi e femmine hanno la stessa forza. Superata questa fascia d’età le differenze diventano più influenti. I maschi hanno un aumento della forza molto maggiore rispetto alle femmine, che raggiunge il picco massimo tra i 20 e i 30 anni.  la differenza di sviluppo della forza tra uomini e donne è da ricercare soprattutto nella maggiore dell’ormone testosterone, che ha un effetto anabolizzante.

 

 

 

Importanza della forza nell’allenamento

La forza muscolare è determinante, per l’incremento della capacita specifica della prestazione (weineck 1992) in quanto nelle sue varie rappresentazioni (ad esempio forza eslplosiva, resistente ecc ecc) è un fattore fondamentale per la prestazione in quasi tutti gli sport, per cui al suo sviluppo va attribuito un ruolo importante. l’allenamento della forza è utile sotto vari aspetti tra cui:

-    presupposto per aumentare la tolleranza ai carichi di lavoro, e di conseguenza poter applicare metodi di allenamento più efficaci.

-    allenamento integratico, come ad esempio il rafforzamento di piccoli gruppi muscolari che hanno sinergia con masse muscolari più importanti nel gesto tecnico sportivo.

-    compensazione tramite il potenziamento di muscoli che tendono ad indebolirsi in proporzione agli altri, a causa di un utilizzo minore nel gesto motorio.

-    Prevenzione dei traumi:, in quanto una muscolatura ben sviluppata è il sistema più efficace di sostegno per l’apparato muscolo-scheletrico.

-    postura: l’aumento della forza dei muscoli delle varie catene anteriori e  posteriori, permette un miglior mantenimento della postura corretta, e di conseguenza un miglior sviluppo e utilizzo della forza.

 

 

 

 Effetto dell’allenamento della forza muscolare sul sistema muscolo scheletrico

L’allenamento della forza non soltanto comporta aumenti dello sviluppo della forza nel muscolo, ma migliora fattori morfologici e coordinativi, e soprattutto un aumento delle riserve di glicogeno e di creatinfosfato (che sono alla base della produzione di energia necessaria per far fare al fisico un gesto motorio di varia intensità), studi su vari campioni di riferimento dimostrano un aumento del creatinfosfato a partire dal 20% sino al 75%.

 

 

 Tipi di forza

Una prima suddivisione dei tipi di forza, è tra generale e speciale

Forza generale: è la forza di tutti i muscoli, indipendente dal tipo di sport praticato

Forza Speciale:  è la forma di manifestazione della forza, tipica di un determinato sport secondo vari autori, i tipi di forza , sono essenzialmente tre, la forza massimale, la forza rapida, e la resistenza alla forza.

-    Forza Massimale: è la massima espressione di forza, che si può ottenere tramite una contrazione volontaria. L’allenamento di questa tipologia di forza è indispensabile nei cicli di allenamento, per migliorare la disponibilità dell’organismo a sostenere carichi sempre maggiori, e soprattutto ad aumentare il reclutamento delle fibre muscolare durante un gesto motorio.

-    Forza Resistenza: è la capacità di porsi all’affaticamento in prestazioni di forza di lunga durata (Harre 1976). il tipo di energia richiesto in questo tipo di sforzo dipende dall’intensità, dal volume e dalla durata dello stimolo.
 

-    Forza Rapida: è la capacità di muovere segmenti corporei o oppure oggetti alla massima velocità possibile. un parametro che influenza la rapidità è quello legato alla forza massima. La correlazione tra queste due entità aumenta con l’aumento della massima che deve essere spostata.  Le Fibre muscolari interessate da questo di tipo di forza sono essenzialmente quelle bianche, l’impulso iniziale della forza rapida è direttamente correlato alla percentuale di queste fibre chiamate FT. Diventa determinante per lo sviluppo della forza rapida, l’incremento della forza iniziale, cioè la capacità di realizzare  una alta tensione muscolare all’inizio della contrazione.

Forza e rapidità

la rapidità è strettamente correlata all’esecuzione di uno schema motorio o programma di tempo breve e alla percentuale di fibre a contrazione rapida di tipo IIb.



 

DIVENTA PARTNERCAMP ESTIVOLE CONVENZIONI PER I NOSTRI SOCIMERCHANDISINGRicerca Sponsor
Powered By IT Euromedia Srl